Fibromialgia e dieta: l’importanza di un’alimentazione corretta

Scopriamo come la dieta può aiutarci a gestire meglio i sintomi di questo disturbo

Catia Marozzi  -  nutrizionista
Pubblicato il 29 Ottobre 2020
Catia Marozzi - nutrizionista
fibromialgia e dieta

Il termine fibromialgia deriva dal latino “fibro” (tessuto connettivo) e dal greco “mio (muscolo) unito ad “algia” (dolore). Sebbene i primi riferimenti alla sindrome fibromialgica risalgono ai tempi di Ippocrate (400 a.C.), la fibromialgia è stata riconosciuta come patologia reumatica dall’American College of Rheumatology (ACR) solo nel 1990.

La sindrome fibromialgica (FMS) è una patologia caratterizzata dal dolore diffuso e punti dolorabili alla palpazione (tender points). I pazienti affetti da FMS provano affaticamento persistente, disturbi cognitivi o della memoria, disturbi dell’umore, problemi gastrointestinali e disturbi del sonno.

Epidemiologia

La sindrome fibromialgica sembra colpire dal 2-4% della popolazione generale, con una prevalenza in Italia del 2,2% (1).  La FMS è più diffusa nelle donne con un rapporto uomo-donna pari a 3:1. La fibromialgia inizia generalmente in età adulta (età di insorgenza 35-45 anni), ma in alcuni casi si può avere un esordio precoce in età adolescenziale.

Criteri diagnostici

La diagnosi di sindrome fibromialgica è esclusivamente clinica, in quanto non ci sono esami strumentali o diagnostici specifici per tale patologia. La diagnosi di FMS può essere posta solo se il paziente ha una storia di dolore diffuso da oltre 3 mesi secondo le seguenti localizzazioni:

  • Dolore in entrambi i lati del corpo

  • Dolore sopra e sotto la cintura (compresa la zona lombo-sacrale)

  • Dolore scheletrico assiale in almeno una sede (rachide cervicale, dorsale o lombo-sacrale, torace anteriore).

Devono inoltre essere presenti almeno 7 o più aree dolenti rilevabili con palpazione digitale denominate tender points (18 tender points, 9 per lato) (2).

Cause e fattori di rischio

Sebbene ad oggi l’eziologia della fibromialgia non sia chiara, tra i fattori coinvolti nella fisiopatologia vi sono:

  • Anomalie del sistema neurobiologico e autonomo (disturbi nel metabolismo e neurotrasmissione serotonina= sensibilità centrale)

  • Malnutrizione proteica

  • Deficit di vitamine e micronutrienti

  • Stress ossidativo

  • Intolleranza agli zuccheri a corta catena (fruttosio, saccarosio)

  • Alterazione Asse-intestino cervello

  • Fattori genetici (familiarità, predisposizione genetica, mutazione gene COMT=convolto nella sensibilità al dolore)

  • Variabili psicologiche (stress, traumi, depressione)

  • Fattori ambientali (obesità, parto, operazioni chirurgiche,ecc.)

Malnutrizione e Fibromialgia

Diverse evidenze scientifiche mostrano come una dieta sbilanciata sembra contribuire all’esacerbazione della sintomatologia dolorosa nella fibromialgia. Uno studio sui ratti ha infatti dimostrato come la carenza di alcuni nutrienti peggiori i dolori muscolo-scheletrici associati alla fibromialgia.

Nei pazienti affetti da FMS, infatti, si osservano spesso carenze nutrizionali, caratterizzati spesso da bassi livelli sierici di alcuni aminoacidi ramificati (BCAA) come valina, leucina, isoleucina e dell’aminoacido essenziale triptofano (TRP). Quest’ultimo, oltre ad essere coinvolto nella sintesi proteica, è il precursore di due importanti vie metaboliche non proteiche:

  • Via sintetica della serotonina/melatonina

  • Via sintetica della chinurenina (KYN)

La maggior parte del triptofano (ben il 95%) è impiegato, in maniera preferenziale, nella sintesi della chinurenina (KYN). A seguito di ciò, se i livelli sierici del TRP sono troppo bassi, quest’ultimo sarà impiegato totalmente per la sintesi della KYN, riducendo di conseguenza la sua disponibilità per la sintesi di serotonina.

L’enzima che controlla l’ingresso del TRP nella via sintetica della KYN (enzima TDO) è influenzato dagli estrogeni (ormoni femminili). Questa differenza di genere spiegherebbe il motivo per cui la FMS è una patologia prettamente femminile. Nelle donne affette da FMS si osserva una sovrapproduzione di chinerunina.

Quest’ultima oltrepassa la barriera emato-encefalica, dove viene metabolizzata in acido chinolinico dotato di effetti neuro-tossici, pro-infiammatori e ossidanti (ovvero favorisce la produzione di radicali liberi o ROS). L’acido chinolinico riduce la funzionalità energetica della cellula, agendo da Killer verso i mitocondri (centrale energetica cellulare).

Sebbene la fibromialgia è caratterizzata da una certa eterogeneità dei sintomi, il denominatore comune sembra essere il TRP. La sua carenza, oltre a determinare bassi livelli di serotonina e quindi una minore tollerabilità al dolore, determina un’alterazione della barriera intestinale. Il triptofano infatti è essenziale per la rigenerazione della mucosa intestinale e la protezione verso agenti potenzialmente patogeni.

Un deficit di TRP sembra quindi predisporre a patologie intestinali infiammatorie come la sindrome del colon irritabile o IBS spesso riscontrata nei pazienti affetti da fibromialgia.

Un’altra condizione piuttosto frequente nel paziente fibromialgico è l’intolleranza verso gli zuccheri a corta catena come fruttosio, saccarosio, lattosio, ecc. La presenza nel lume intestinale di queste molecole non assorbite, oltre a dare fastidiosi sintomi intestinali, impedisce il normale assorbimento del triptofano, limitando quindi, ancora una volta la sua disponibilità per la sintesi della serotonina.

La presenza di fruttosio non assorbito sembra inoltre responsabile del deterioramento del microbioma intestinale e del minore assorbimento di alcuni minerali. Nei pazienti con FMS si riscontrano infatti spesso bassi livelli sierici di molti micronutrienti come magnesio, zinco, calcio, selenio, vitamina B6, vitamina C e acido folico. Alcuni di questi sono importanti co-fattori di enzimi coinvolti nella sintesi della serotonina.

Come la dieta può migliorare la gestione dei sintomi

Il primo obiettivo dietoterapico è sicuramente quello di ridurre al minimo la presenza a livello intestinale di molecole che potrebbero limitare l’assorbimento e quindi la biodisponiblità del triptofano. Un recente studio (3) ha infatti dimostrato come una dieta a basso contenuto di FODMAP (Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides, Monosaccharides and Polyols) determini un netto miglioramento dei sintomi gastrointestinali e muscolo-scheletrici in ben l’82% dei pazienti affetti da fibromialgia. Secondo tale presupposto sarebbe bene evitare l’assunzione di

  • Lattosio (si consiglia di preferire alternative vegetali: latte di soia, di mandorle, di riso, ecc.)

  • Fruttosio (es. sostituire le mele, i mango, le pesche con banana, melone, fragole, evitare prodotti industriali contenenti sciroppo di fruttosio o mais)

  • Fruttani (ridurre la segale, il grano, la cipolla e sostituirli con avena e riso)

  • Galattani (ridurre al minimo il consumo di lenticchie, ceci e fagioli >> sostituirli con patate, fagiolini, taccole)

  • Polioli (ridurre il consumo di ciliegie, prugne e sostituirli con kiwi, limone, lime).

Un altro obiettivo della dieta dovrebbe essere quello di preferire cibi ricchi di vitamine e minerali ad azione antiossidante. I pazienti con fibromialgia infatti producono una quantità di radicali liberi (ROS) pari a 3 volte quella prodotta dai controlli su persone sane.

Sebbene non si è totalmente a conoscenza di come l’elevato stress ossidativo possa determinare la sintomatologia dolorosa, sembra che i radicali liberi danneggino i mitocondri, determinando una riduzione delle specie ad azione anti-ossidante (es. glutatione o GSH). L’elevato stress-ossidativo crea un circolo vizioso di infiammazione perpetua con aggravamento e mantenimento dei sintomi di fatica e dolore. Per tale ragione è bene aumentare il consumo di frutta e verdure di stagione, ricche in vitamine e sostanze antiossidanti.

In ultima analisi si dovrebbero evitare anche tutti quegli alimenti contenti eccito-tossine, ovvero sostanze che possono interferire nella percezione del dolore, esacerbando i sintomi.

Tra le eccito-tossine possiamo sicuramente ricordare alcune sostanze aggiunte in molti alimenti commerciali, come il glutammato monosodico, l’aspartato e l’aspartame. Il glutammato e l’aspartato agiscono da neurotrasmettitori eccitatori, ovvero eccitano in modo prolungato i nervi nocicettivi (coinvolti nella percezione del dolore) sia nel cervello che nella periferia.

Diversi studi hanno dimostrato un legame diretto tra glutammato e dolore cronico (3). Alla luce delle evidenze esposte sebbene l’approccio dieto-terapico sembra efficace nella gestione della sintomatologia dolorosa, la nutrizione riveste solo una parte di un metodo multidimensionale che include oltre alle cure farmacologiche, rimedi non farmacologici come l’attività fisica e tecniche di rilassamento(4).