Reflusso gastrico recidivo

Francesca (Bologna)
2 Gennaio 2022
12 Risposte

Buonasera, Non riesco a liberarmi dal reflusso gastrico che ogni tanto si ripresenta fino ad arrivare a crearmi veri attacchi di asma. Ho 46 anni, sono alta 1,70 per circa 45 kg di peso, quindi assolutamente non sovrappeso. Non fumo, sono astemia, faccio attività sportiva giornaliera e seguo un'alimentazione sana, da cui sono esclusi totalmente grassi, zuccheri aggiunti, ogni tipo di salsa ed intingoli, pizza e dolci di ogni genere e farine di ogni tipo s non a colazione, quando mangio una fetta di pane integrale con miele e tanta frutta fresca. Unica passione che ho: il formaggio di capra, che ho letto che, comunque, è permesso con problemi di reflusso. Perché non riesco a liberarmene? Per l'ennesima volta debbo farmi 4 settimane di Esopral 40 mg s voglio venirne fuori.. Grazie infinite per una vs gentile risposta Francesca

12 Risposte dai professionisti NutriDoc

Sandra Greco

Buongiorno Francesca, elimini temporaneamente l’integrale e mangi più spesso cibi secchi (per esempio pane tostato). Elimini i cibi acidi (ananas, agrumi, pomodoro). Contatti un gastroenterologo, le consigliera senz’altro un’ esofago-gastroscopia con biopsia gastrica per verificare che non ci sia HP. Cordialmente, Sandra Greco

5 Gennaio 2022
Giulia Carletti

Buongiorno Francesca, se mi posso permettere forse il suo problema è che sta troppo attenta a quello che mangia e che magari forse ha eliminato troppi alimenti dalla dieta! Se pratica attività fisica tutti i giorni e appunto è assolutamente in forma (forse anche in sottopeso) non c'è bisogno di eliminare totalmente farine, zuccheri e grassi! Ci sono anche grassi positivi e in minima parte vanno introdotti perchè funzionali al nostro organismo. Prediliga una dieta mediterranea con alla base cereali integrali, verdura e legumi. Frutta non più di 3 porzioni giornaliere e proteine animali nelle 3-4 volte a settimana preferendo pesce magro e carne bianca. Come consimento utilizzi olio d'oliva a crudo. Limiti alimenti come menta, cioccolata, pomodori, agrumi, caffè e thè che possono accentuare problemi di reflusso. Nella speranza di poterla aiutare. Saluti Dott.ssa Giulia Carletti

5 Gennaio 2022
Flavia Porporino

Buongiorno, quanto ha descritto deve essere indagato e valutato da un Medico Specialista gastroenterologo. Se si reca dal suo Medico di base saprà indirizzarla per una visita specialistica. Non possiamo purtroppo fornire consigli online, in quanto si tratta di una situazione complessa e delicata, in cui non è detto che tutte le esclusioni alimentari che sta portando avanti le diano più pro che contro.

5 Gennaio 2022
Rosario Lupo

Buongiorno Francesca, come detto dalle colleghe sopra le consiglio di recarsi da uno specialista gastroenterologo ed effettui una gastroscopia per valutare l'entità dello stato della sua mucosa esofagea. In merito a quanto da lei scritto, alcuni suoi accorgimenti sono corretti, ma la totale esclusione dei grassi non va bene, in quanto le sue mucose già sono danneggiate dall'acidità data dal reflusso, se lei in più non ''nutre'' e ripara queste mucose danneggiate la situazione potrebbe diventare ancora più ingravescente. Quindi sui grassi deve assolutamente fare marcia indietro, mangi dei grassi insaturi buoni, consumi soprattutto olio extravergine di oliva, e frutta oloaginosa. Rimango a disposizione per ulteriorsi suoi dubbi. Email: rosario.luponutrizionista@gmail.com; cell: 3773439898 Buona giornata. Dott. Rosario Lupo

5 Gennaio 2022
Ilaria  Conte

Gentile Francesca, mi associo a quanto detto dai miei colleghi. Innanzitutto deve effettuare una visita specialistica da un gatroenterologo che le prescriverà le analisi più opportune. Inoltre dovrebbe effettuare una consulenza nutrizionale per comprendere il motivo delle sue scelte alimentari: il suo stato di sottopeso e la sua alimentazione molto restrittiva con esclusione di categorie alimentari fondamentali potrebbero esserle fonte di danno piuttosto che di beneficio. Le auguro una buona giornata

5 Gennaio 2022
Maria Massimilla

Salve eliminare cibi grassi, acidi compresi (aceto, lieviti, ananas, cioccolato, bibite gassate, vino, liquori, spezie tra cui origano, pepe nero, evitare frutta secca, stracotti, salumi speziati), basarsi molto su carne, pesce, verdure tra quelle consentite, frutta, pasta, riso e cereali. Buona giornata saluti Dott.ssa MARIA MASSIMILLA

5 Gennaio 2022
Lorenza Romano

Buongiorno Francesca, in prima battuta può cercare un nutrizionista vicino a Lei che le dia indicazioni sulla corretta compilazione del diario alimentare per alcuni giorni per poter valutare con accuratezza le sue abitudini alimentari. Da lì potrebbero emergere elementi interessanti su cui poter intervenire e poi valutare se sia necessario fare maggiori approfondimenti con esami clinici specifici. Buona giornata!

5 Gennaio 2022
Nicole  Labaguer

Cara Francesca, come già detto dai miei colleghi, consiglio sicuramente una visita da un gastroenterologo al fine di eseguire un’analisi più approfondita per la sua problematica. I cibi acidi, come gli agrumi, possono esacerbare la patologia. Infusi allo zenzero possono essere utili per ridurre la sintomatologia, ma anche una integrazione di probiotici specifici. Lo stress e l’ansia sono fattori che influiscono molto in caso di reflusso, quindi è importante anno sottovalutare questo aspetto. Consiglio di rivolgersi ad un nutrizionista così da valutare il suo stato nutrizionale e procedere con un piano alimentare personalizzato. Rimango a disposizione per informazioni al seguente indirizzo email: dottoressa.nicolelabaguer@gmail.com Un caro saluto Dott.ssa Nicole Labaguer

6 Gennaio 2022
Giuseppe Zorza

Buongiorno, il reflusso gastrico che recidiva periodicamente è da indagare e, se presente da tempo anche eventualmente da valutare con un esame endoscopico. Il tutto ancora prima di dare consigli alimentari. Per riassumere, esponga il problema al suo medico di base che le prescriverà eventuali approfondimenti per evitare e entuali ritatdi diagnostici. Una volta fatti i controlli consideri anche l'alimentazione per ridurre il reflusso. Dr. Giuseppe Zorza - Medico Nutrizionista esperto in nutrizione clinica.

8 Gennaio 2022
Annamaria Pietta

Buongiorno, il reflusso gastro esofageo può essere determinato da un insieme di cause. Dopo aver escluso fattori organici tramite esami specifici che il suo medico di famiglia le saprà consigliare, valuterei un piano nutrizionale studiato appositamente per lei da un collega nutrizionista. Il nutrizionista ha anche la funzione di fare educazione alimentare e le saprà dare un valido aiuto dal punto di vista nutrizionale. Un ultimo ma non meno importante fattore da tenere sotto controllo è lo stress eccessivo che può essere controllato con piante officinali. Cordialmente, dr.ssa Pietta Annamaria. Biologa Nutrizionista, Farmacista, Fitoterapeuta

8 Gennaio 2022
Silvia Cremonti

Buongiorno Francesca, Le chiedo una cosa banale, ma che mi è venuta in mente leggendo il Suo messaggio, dato che il problema è recidivo. Spesso alla base di questo ritorno poco gradito, c'è l'Helicobacter Pylori che non viene ben eradicato, poichè occorre una terapia specifica. Ha mai fatto un esame specifico per approfondire questa possibilità? Dott.ssa Cremonti

13 Gennaio 2022
Francesco Inzerra

Da ciò che mangia e tutto regolare , bisogna eliminare anche caffè e the. Bi isogna inquadrare il reflusso se si manifesta dopo i pasti o e notturno lontano dei pasti , ciò permetterà di inquadrare il tipo di dispepsia e quindi agire in con interventi mirati .il linea generale le consiglio un infuso di timo malva e camomilla dopo i pasti.

14 Gennaio 2022
Foto {{ currentPhotoIndex + 1 }} di {{ photos.length }}
{{ photos[currentPhotoIndex].treatment.name }}