Alternative naturali allo zucchero bianco

Lo zucchero bianco fa male al nostro organismo eppure lo utilizziamo tutti i giorni. Esistono delle alternative naturali più sane?

Nutridoc logo
Pubblicato il 18 Maggio 2021
Redazione NutriDoc.it
zucchero bianco alternative

Nonostante abbia numerosi e comprovati effetti nocivi sull’organismo, lo zucchero bianco è il dolcificante più utilizzato in cucina ed è presente in più alimenti di quanto si pensi, alcuni dei quali davvero insospettabili. 

Non solo dolci e caramelle, ma anche sughi pronti, pane, succhi e bibite, minestroni surgelati e anche carne e pesce in scatola sono ricchi di zuccheri aggiunti. Non basta quindi evitare il cucchiaino di zucchero nel caffè per limitarne l’assunzione.

Al di là dell’alto apporto calorico, lo zucchero bianco si è rivelato essere un vero e proprio veleno per il nostro organismo. Ciò è dovuto al fatto che, in fase di lavorazione, la melassa composta da saccarosio, vitamine e sali minerali viene raffinata e subisce dei processi chimici sbiancanti che ne annullano tutte le proprietà benefiche. 

Quello che acquistiamo al supermercato, quindi, non è altro che saccarosio ipercalorico. Quest’ultimo ha sul nostro organismo un effetto simile a quello di molte sostanze stupefacenti: è nocivo, porta allo sviluppo di patologie e crea dipendenza.

Già nel breve termine, l’ingerimento di una notevole quantità di zucchero fa aumentare la glicemia nel corpo accelerando la produzione di insulina e generando veri e propri picchi glicemici. 

Questo meccanismo, ripetuto nel tempo, è mal sopportato dall’organismo e può causare insulino-resistenza, cioè una minore capacità di rispondere all’insulina. Senza contare, inoltre, che un eccesso di zuccheri può sfociare anche in sovrappeso, infiammazioni gastrointestinali e malattie croniche come il diabete.

Come consigliato dagli specialisti della nutrizione, lo zucchero bianco dovrebbe essere quasi completamente eliminato dal proprio regime alimentare e sostituito con dolcificanti più sani. Vediamo allora quali sono le alternative naturali allo zucchero bianco.

Alternative naturali allo zucchero bianco

Anche se l’ideale sarebbe iniziare ad apprezzare i gusti naturali delle pietanze, esistono numerose alternative al più nocivo zucchero bianco per dolcificare le preparazioni. 

Rispetto allo zucchero hanno un gusto più caratteristico, perché si tratta di composti non lavorati. A differenza di quest’ultimo, però, sono più nutrienti e ricchi di proprietà benefiche per l’organismo.

Zucchero di canna

La prima opzione per sostituire lo zucchero bianco è rappresentata proprio dallo zucchero di canna integrale. Nell’acquisto occorre fare attenzione che non sia semplicemente zucchero bianco caramellato o tostato. Le caratteristiche del vero zucchero di canna sono il colore marrone scuro, il leggero retrogusto di liquirizia e la consistenza granulosa e umida, come quella della sabbia bagnata.

Stevia

La stevia è una pianta coltivata in sud America, con un notevole potere dolcificante (fino a 300 volte più dello zucchero). La polvere che si ottiene dalle foglie essiccate è un ottimo dolcificante naturale che apporta zero calorie. Per questo motivo, è il dolcificante ideale per chi segue una dieta ipocalorica.

Miele

Tra i prodotti già ampiamente diffusi e che possono rimpiazzare lo zucchero bianco, c’è il miele. Un imbattibile energetico naturale, con un elevato potere dolcificante e alto apporto calorico che, per questo motivo, deve essere usato in quantità minori rispetto al classico zucchero. Ne esistono di numerose tipologie ma per le comuni preparazioni è da preferire la varietà millefiori o il miele di acacia perché più delicati di altri.

Sciroppo d’acero

Il famoso maple syrup dei pancakes americani è un’altra delle alternative allo zucchero meno calorica e più benefica. Dalla pianta dell’acero si estrae infatti questo prodotto che, oltre al saccarosio, contiene potassio e vitamine. È liquido di colore scuro, molto dolce e può essere facilmente utilizzato per preparare dolci.

Zucchero di cocco

Un altro prodotto per dolcificare gli alimenti è lo zucchero di cocco. Ha consistenza granulosa e colore marroncino, viene estratto dalla linfa dei fiori della palma da cocco ed è ricchissimo di vitamine e minerali. Di questo zucchero si apprezza particolarmente il basso indice glicemico.

Succo d’agave

La linfa estratta dalla pianta di agave può vantare una notevole quantità di sali minerali e oligominerali. Non contiene saccarosio né glucosio, risultando pertanto consigliato anche a persone diabetiche

Anche in questo caso, si ha un potere dolcificante superiore a quello dello zucchero, pertanto è opportuno ridurre le quantità. Inoltre, come per lo zucchero di canna, è necessario accertarsi che non sia stato oggetto di dannosi processi chimici di lavorazione prima di procedere all’acquisto.

Eliminare lo zucchero e vivere bene

Non solo per rimettersi in forma limitando l’apporto calorico, la scelta di sostituire lo zucchero bianco con alternative naturali e più salutari è un vero e proprio atto d’amore verso sé stessi e per prendersi cura della propria salute.

Scegliere consapevolmente di rinunciare allo zucchero raffinato significa anche informarsi sull’utilizzo di zuccheri aggiunti all’interno di cibi e bevande che ogni giorno finiscono nel nostro piatto.

Leggere le etichette è un’ottima abitudine in ogni caso, ma ancora meglio è optare per le preparazioni fatte in casa e rinunciare a cibi pronti, surgelati o precotti. In questo modo infatti è possibile non solo limitare l’assunzione di zuccheri nascosti ma riscoprire il sapore naturale degli alimenti.