La pizza può fare parte di una dieta sana?

sammy
13 Settembre 2021
15 Risposte

Forse sto chiedendo una domanda stupida... ma una semplice pizza margherita (magari con mozzarella di bufala), fa cosi male alla salute? Se gli ingredienti sono buoni... la pasta della pizza, il pomodoro, la mozzarella e magari del buon olio evo.. non dovrebbe fare poi cosi male no? Sono le calorie elevate il problema? Grazie. Sammy da Viterbo.

15 Risposte dai professionisti NutriDoc

Chiara Corna

Gentile Sammy, la risposta è: certamente sì! La pizza può fare parte di una dieta sana. Anzi, azzarderei nel dire che la pizza è un classico esempio di dieta mediterranea: i suoi principali ingredienti sono farina, pomodoro e olio e.v.o (oltre a una serie di variabili secondo il gusto e la fantasia). Ovviamente, non tutte le pizze sono uguali: la pizza al trancio è troppo "spessa" e favorisce gonfiori addominali; le pizzette mignon contengono troppi grassi saturi e troppo lievito nell'impasto; la pizza sottile, con gli ingredienti giusti, è decisamente la migliore! Il segreto, poi, sta nel portarla a tavola massimo 1 volta ogni 2 settimane e con alcuni semplici accorgimenti che permettono di "abbattere" gli effetti ingrassanti di una pizza. 1. Preferire le pizze più sottili: una pizza molto sottile rispetto a una più soffice contiene fino a 200 calorie in meno; 2. Scegliere una pizza vegetariana: significa fornire al proprio corpo una quantità di calorie molto più basso e meno grassi saturi, dannosi per la salute, rispetto a quelli proveniente da salumi e salsiccia; 3. Evitare di farcire la pizza con doppia mozzarella: si risparmiano altre 80 kcal; 4. Evitare di mangiare il bordo: se la pizza è molto sottile si risparmiano circa 50 kcal, se è più spessa anche 100! 5. Meglio se integrale: la fibra contenuta nella farina della pizza aiuta ad assorbire meno grassi e meno carboidrati; 6. Selezionare un impasto a lunga lievitazione: contiene meno lievito, è più digeribile ed evita fastidiosi disturbi di gonfiore addominale e malassorbimento

13 Settembre 2021
Maria Antonietta  Vigorito

Buongiorno Sammy, la pizza così come altri piatti più calorici, tipici della nostra tradizione, possono essere tranquillamente inseriti nel contesto di una alimentazione sana ed equilibrata. Per questo, se in genere seguiamo delle corrette abitudini alimentari, concedersi una pizza di tanto in tanto non crea nessun problema.

14 Settembre 2021
Pina Melchionna

Gentilissima, se la pizza si inserisce in un regime alimentare bilanciato, accompagnato da attività motoria, se si scelgono ingredienti semplici e di qualità, se l'altro pasto della giornata è contenuto, se non l' accompagniamo sempre con bibita dolce e dolcetto finale, se costituisce l'eccezione di una volta a settimana, è assolutamente un piatto completo (perché contiene proteine, carboidrati e grassi), mediterraneo ed adatto anche a chi è sotto regime dietetico.

14 Settembre 2021
Raffaella Cerroni

Carissima Sammy , la pizza costituisce un piatto equilibrato in quanto presenta tutti i nutrienti. Può essere più o meno calorica a seconda degli ingredienti, per esempio la pizza con mozzarella e formaggi e /o salumi è sicuramente più calorica. La pizza semplice con pomodoro e origano è la meno calorica anche rispetto a quella bianca. È la percentuale dei grassi presenti che fa la differenza. Comunque in un regime normo ma anche ipocalorico una pizza a settimana può essere presente senza alcun problema.

14 Settembre 2021
Giorgia Filiberti

Gentile Sammy, la pizza fa parte della sana alimentazione! Il consumo consigliato è di una volta alla settimana; molti pazienti mi chiedono quale pizza scegliere? Sicuramente la pizza con le verdure. Perché mi direte? Contiene carboidrati (impasto), proteine (mozzarella), grassi (olio) e verdure, che permettono di fornire il corretto quantitativo di fibre per garantire un miglior controllo della glicemia. In realtà la mia risposta è sempre: ‘la tua preferita’, mi piace insegnare non solo serenità ma anche a badare meno al conteggio calorico non sarà mai quella pizza con 100 kcal in più a rovinare il percorso nutrizionale svolto, anzi sarà proprio quel momento a rendervi il percorso ancora più facile! PS: le domande non sono mai stupide

15 Settembre 2021
Sarah Ferma

Salve, in una dieta sana e in assenza di patologie o problemi, è ammesso tutto! Non conta tanto il singolo alimento, ma cosa si mangia nell'arco della giornata. Sempre se non ci sono problemi di salute che portano ad eliminare determinati alimenti! Spero di esserle stata d'aiuto. Dott.ssa Sarah Ferma

15 Settembre 2021
Simona Santini

Certamente, all'interno di un piano alimentare sano e bilanciato, una pozza a settimana è assolutamente consentita!

15 Settembre 2021
Lucia Epis

Certamente, uno strappo alla regola è doveroso per poter seguire al meglio un prospetto nutrizionale equilibrato durante la settimana!

15 Settembre 2021
Fulvia Bracali

Un'alimentazione sana non vuol dire privazioni. Quindi sì, la pizza si può mangiare! E gli ingredienti di qualità dovrebbero essere una scelta da privilegiare sempre. In generale, io concedo a tutti i miei pazienti di mangiare la pizza una volta a settimana purché non sia eccessivamente condita. Questo perchè mangiare è un piacere e rinunciare alla pizza potrebbe voler dire abbuffarsene in seguito. Dal punto di vista nutrizionale potrebbe esserci un'eccedenza di carboidrati o viceversa, se molto condita, di proteine. Ma l'equilibrio dell'alimentazione non si fa con un solo pasto, ma con scelte alimentari settimanali curate. In ogni caso se volete mangiarla più a cuor leggero abbinate un piatto di verdure, magari come antipasto.

15 Settembre 2021
Davide Crispini

Buongiorno, mi permetto in parte di dissentire. Per quanto riguarda l'inserimento della pizza all'interno di un pasto libero, una sola volta a settimana, sicuramente è uno strappo che può essere fatto. Tuttavia se parliamo di pizza all'interno di una terapia dietetica, la risposta è no. Le spiego, la pizza è un cibo che purtroppo è tutt'altro che salutare a causa delle metodiche con cui viene preparato. La pizza infatti viene cotta a temperature molto elevate, la napoletana a circa 400-450°C e la romana a circa 300°C, a queste temperature gli amidi contenuti nelle farine formano un composto chiamato acrilammide che è stato correlato all'insorgenza di vari tipi di tumori. Se il forno oltretutto è a legna o non pulito bene questo rischio aumenta. Altra problematica della pizza è che è capace di aumentare la glicemia notturna in maniera esponenziale aumentando la possibilità di iperglicemie in soggetti già a rischio. Inoltre si ricordi che farina, pomodoro ed olio fanno certamente parte della dieta mediterranea, ma la mozzarella non di certo. Detto ciò se la pizza è inserita in un contesto di pasto libero può essere consumata in quanto non è il singolo pasto settimanale ad incidere sulla media delle calorie, ma non la consiglierei come alimento certamente. Grazie

15 Settembre 2021
Margherita  Cendon

Cara Sammy, ma certamente che la pizza può far parte di una dieta sana ed equilibrata, sia che sia tu a prepararla sia che la mangi al ristornate. È chiaro che non è un alimento che va consumato tutti i giorni, ma questo vale un po’ per tutti i prodotti. Io ti consiglio di goderti il pasto con la pizza o con l’hamburger o la cena al ristornate o qualsiasi cosa che ti possa far pensare a “non dietetico” come trasgressione temporanea dalla regola. Questo fa bene a te, perché mentalmente ti permette di avere una certa libertà e possibilità di scelta e ti consente di trovare un equilibrio nella tua alimentazione senza necessità di porti troppi limiti. Spero di essere stata il più chiara possibile e ti auguro una buona giornata

15 Settembre 2021
Anna Viceconti

Buongiorno Sammy, certamente la pizza può esser consumata tranquillamente in un regime alimentare vario ed equilibrato con una frequenza di una volta a settimana. Inoltre mangiare la pizza, come altri piatti che soddisfano i nostri gusti personali, permette una maggiore compliance alla terapia dietetica che si sta seguendo. Un caro saluto.

15 Settembre 2021
Barbara Usai

Salve, la pizza può essere inserita occasionalmente all'interno di una dieta equilibrata ( direi 1/2 volte al mese) ;è un pasto particolare per il metodo di cottura, in questo mi associo al collega. Le alte temperature portano alla formazione di composti che potenzialmente sono cancerogeni. Detto questo se c'è una buona lievitazione, prodotti di qualità si può mangiare tranquillamente ogni tanto. La saluto

15 Settembre 2021
Concetta Zito

Ciao Sammy, la pizza puoi mangiarla, soprattutto se hai modo di mangiare una buona pizza dove vengono utilizzati ingredienti di qualità e lievito madre. Naturalmente non più di una volta a settimana. Questo in linea generale, poi dipende dalle condizione di salute di ogni signola persona (problemi intestinali, gastrici, ecc). Per quanto rigurda le calorie, molte persone credono che i cibi meno calorici siano più salutari ed il più delle volte è errato questo concetto, non si può giudicare la qualità di un alimento solo dal contenuto delle calorie. Saluti

16 Settembre 2021
Monia Zambernardi

La pizza è sicuramente un piatto completo in quanto apporta tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno, realizzata poi con ingredienti di alta qualità, magari di origine italiana e facendo attenzione ai tempi di lievitazione, questo piatto conquista un posto di tutto rispetto tra i piatti unici. Attenzione però al condimento che a volte è troppo ricco di grassi animali ( insaccati, lardo, pancetta, affettati) rendendo questo piatto di difficile digeribilità oltre che eccessivamente calorico e poco salutare per la presenza di troppi grassi animali. Consiglio sempre di non esagerare con le quantità e con la frequenza di assunzione, in quanto una pizza margherita al piatto in pizzeria pesa circa 300 gr, tenendo in considerazione che 100 gr di pizza margherita ci forniscono 271 Kcal (tabelle di composizione degli alimenti tratti dalla banca dati del CRA-NUT) è facile raggiungere le 813 Kcal. Dott.ssa Monia Zambernardi Biologa Nutrizionista

16 Settembre 2021
Foto {{ currentPhotoIndex + 1 }} di {{ photos.length }}
{{ photos[currentPhotoIndex].treatment.name }}